Logo Comune Monteforte d'alpone

Il Sindaco

marini_gariele_sindaco_monteforte2014

Dott. Gabriele Marini.

Orario di ricevimento:
Lunedì dalle 15.30 alle 18.30 e Giovedì dalle 9.00 alle 12.00 su appuntamento (tel. 045.6137311)

I precedenti Sindaci di Monteforte d’Alpone (VR)

Nome Periodo
Grazioso Prà 1946 - 1948
Livio Antonioli 1948 - 1950
Attilio Tessari 1950 - 1952
Livio Antonioli 1952 - 1956
Livio Antonioli 1956 - 1960
Giuseppe Crestan 1960 - 1964
Antonio Zorzi 1964 - 1970
Giuseppe Crestan 1970 - 1975
Franco Monaco 1975 - 1980
Franco Monaco 1980 - 1981
Ottorino Portinari 1981 - 1985
Franco Monaco 1985 - 1990
Posenato Giuseppe 1990 - 1993
Antonio Bogoni 1993 - 1995
Antonio Bogoni 1995 - 1999
Valerio Cremasco 1999 - 2004
Antonio Carletto 2004 - 2009
Carlo Tessari 2009 - 2014
Gabriele Marini 2014 -

Competenze:
Il sindaco è l’organo responsabile dell’amministrazione del comune. Rappresenta l’ente, convoca e presiede la giunta, nonché il consiglio quando non è previsto il presidente del consiglio, e sovrintende al funzionamento dei servizi e degli uffici e all’esecuzione degli atti.
Esercita le funzioni attribuite dalle leggi, dallo statuto e dai regolamenti e sovrintende altresì all’espletamento delle funzioni statali e regionali attribuite o delegate al comune. Il sindaco esercita inoltre le altre funzioni attribuitegli quale autorità locale nelle materie previste da specifiche disposizioni di legge.
In particolare, in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale, adotta, quale rappresentante della comunità locale, le ordinanze contingibili e urgenti. Negli altri casi l’adozione dei provvedimenti d’urgenza, ivi compresa la costituzione di centri e organismi di referenza o assistenza, spetta allo Stato o alle regioni in ragione della dimensione dell’emergenza e dell’eventuale interessamento di più ambiti territoriali regionali. In caso di emergenza che interessi il territorio di più comuni, ogni sindaco adotta le misure necessarie fino a quando non intervengano gli altri soggetti eventualmente competenti.
Il sindaco coordina e riorganizza, sulla base degli indirizzi espressi dal consiglio comunale e nell’ambito dei criteri eventualmente indicati dalla regione, gli orari degli esercizi commerciali, dei pubblici esercizi e dei servizi pubblici, nonché, d’intesa con i responsabili territorialmente competenti delle amministrazioni interessate, gli orari di apertura al pubblico degli uffici pubblici localizzati nel territorio, al fine di armonizzare l’espletamento dei servizi con le esigenze complessive e generali degli utenti.
Sulla base degli indirizzi stabiliti dal consiglio, il sindaco provvede alla nomina, alla designazione e alla revoca dei rappresentanti del comune presso enti, aziende ed istituzioni.
Il sindaco nomina i responsabili degli uffici e dei servizi, attribuisce e definisce gli incarichi dirigenziali e quelli di collaborazione esterna.
Il sindaco presta davanti al consiglio, nella seduta di insediamento, il giuramento di osservare lealmente la Costituzione italiana.
Distintivo del sindaco è la fascia tricolore con lo stemma della Repubblica e lo stemma del comune, da portarsi a tracolla.

Attribuzioni del sindaco nelle funzioni di competenza statale:
Il Sindaco, quale ufficiale del Governo, sovrintende:
a) all’emanazione degli atti che gli sono attribuiti dalla legge e dai regolamenti in materia di ordine e sicurezza pubblica;
b) allo svolgimento delle funzioni affidategli dalla legge in materia di pubblica sicurezza e di polizia giudiziaria;
c) alla vigilanza su tutto quanto possa interessare la sicurezza e l’ordine pubblico, informandone preventivamente il prefetto;
d) alla tenuta dei registri di stato civile e di popolazione e agli a-dempimenti demandatigli dalle leggi in materia elettorale, di leva militare e di statistica.
Il sindaco, quale ufficiale del Governo, adotta con atto motivato provvedimenti, anche contingibili e urgenti nel rispetto dei princìpi generali dell’ordinamento, al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana. I provvedimenti di cui al presente comma sono preventivamente comunicati al prefetto anche ai fini della predisposizione degli strumenti ritenuti necessari alla loro attuazione.