Logo Comune Monteforte d'alpone

Eventi Culturali

Sulle Orme della Cultura

Il 9 Maggio il settore Cultura e Turismo patrocina la GITA A TREVISO CON LA MOSTRA "I SEGRETI DELLA CITTA' PROIBITA".
La quota di Euro 25 prevede il pulmann, la visita guidata alla mostra e la visita alla città di Treviso.
Per info rivolgersi all'agenzia viaggi di Monteforte Sherazade oppure all'ufficio Cultura e Turismo del Comune al nr. di tel. 045 6137304.
Potete visitare il sito della mostra www.laviadellaseta.info 
-------------------------------------------------------------------------------------------------
11.05.2010
SULLE ORME DELLA CULTURA...ALLA CORTE DEI MING.
E' stata una bellissima "prima volta" la GITA a Treviso, voluta da un affiatato gruppo di persone e patrocinata dal Comune.
Abbiamo intitolato l'iniziativa "Sulle Orme della Cultura" e convenuto che ce ne saranno molte altre.
Basterà lanciare la proposta di una meta e con la collaborazione di Elisabetta Danese, siamo subito pronti a ripartire.
Treviso ci ha accolti con la sua punta di diamante, la mostra dedicata ai Segreti della Città Proibita.
Che meraviglia gli oggetti rinvenuti nell'unica tomba scoperta dei 16 imperatori Ming, il terzo.
La Dinastia dei Ming si estinse nel 1644 lasciando posto ao Quing.
L'imperatore in questione fu sepolto a trenta metri sottoterra e con lui un immenso patrimonio di gioielli, vasi, suppellettili, vestiti, di tutto. Deliziosi i servizi da te in giada di grasso di montone e sconvolgente il plastico della Città Proibita. Siamo rimasti colpiti dall'intelligenza di Matteo Ricci, Gesuita italiano, il primo ad essere accolto e accettato alla corte dell'Imperatore, dove visse e morì. Lasciando un enorme contributo culturale. Sua acnche la denuncia dei diritti calpestati delle concubine che vivevano in funzione dell'Imperatore  e venivano uccise tutte alla sua morte. Ricci fu unprecursore degli odierni difensori dei diritti e delle pari opportunità, in fin dei conti.
La mostra è molto ben organizzata e ci si muove con piacevolezza nelle sale della casa De Carraresi, guidati da preparatissimi operatori turistici.
E' finita prima del previsto e allora, stravolgendo il programma, abbiamo scelto di visitare subito il centro, la Loggia dei Cavalieri, il Palazzo dei Trecento, la attigua e signorile Piazza dei Signori e il Duomo con la bellissima pala dell'Annunciazione del Tiziano.
Lì vicino la chiesa di San Giovanni, del 1200, subito giudicata elegantissima nel suo stile romanico e in netto contrasto con quello neoclassico del Duomo.
Dopo il pranzo, sempre un ottimo momento di convivialità, ci siamo dedicati alla chiesa di San Nicolò, altro meraviglioso esempio di romanico gotico, con l'eccellente quadro del Lotto, posizionato sopra l'altare.
Una passeggiata tra i burianelli, suggestivi canali e torrenti che serpeggiano in pieno centro, la Pescheria e di nuovo una piazza dei Signori stragremita di persone in un tranquillo pomeriggio domenicale, poi è stata la volta della chiesa di San Francesco, nostra ultima tappa.
Quasi interamente ricostruita dopo le devastazioni ad opera di Napoleone e delle due guerre mondiali, conserva comuque il suo stile sobrio ed elegante, tipico del romanico.
Il soffitto a carena di nave ci ha ricordato il  nostro Palazzo Vescovile mentre ci ha colto di sorpresa la lapide di Francesca Petrarca, figlia del grande Poeta e la tomba di Pietro Alighieri, figlio del Sommo.
Il che ci ha ricondotti al dolore di questi due padri che hanno alsciato qui i loro figli.
Fuori dalla chiesa il tempo di qualche foto, un  gelato in centro e il pulmann pronto a ricondurci all'ovile.
Con noi adulti sono venuti anche alcuni ragazzi dai dieci ai quindici anni e hanno stupito tutti per la loro attenzione e il loro desiderio di conoscere e imparare.
E' stata una bella giornata sulla quale ha aleggiato il pensiero della Festa della Mamma mentre tutti siamo stati concordi nel ribadire il piacere di sposare momenti culturali ad attimi di spontanea e semplice amicizia tra persone che condividono lo stesso paese.
Un grazie di cuore ad Anna Rodighiero che frequentando la scuola di design industriale a Treviso, si è offerta di farci da guida ed è stata impeccabile!

Vedi fotogallery della gita »